venerdì 10 maggio 2013

Il bagnetto


A conti fatti, sono circa sei anni che non metto le due parole bagno e relax nella stessa frase.
Potrà sembrare strano, ma basterà leggere le righe di seguito, dove ho riportato fedelmente tutto quello che ho detto durante il bagnetto di ieri sera delle mie figlie.
C'è tutto, parola per parola.
Sono convinta che se la tata della trasmissione di SKY, leggesse quanto riporterò, si presenterebbe a casa mia senza nemmeno essere invitata e si stabilirebbe qui per sei mesi, ma dato che non mi sono montata la testa fino a questo punto, non credo che la Tata sia una mia follower, quindi non suonerà il campanello molto presto, anche perché il campanello di casa mia è rotto e non suona da anni.

Via, andiamo a fare il bagnetto!

Piano. Salite le scale con attenzione. No! Un gradino per volta!

Forza, entrate nel bagno. Mi raccomando fate la pipì che sennò poi vi scappa quando state a mollo e mi bagnate tutto il pavimento.

Levatevi i vestiti. certo, anche le mutande, che si fa il bagnetto con le mutande? attente, non vi urtate e mettete i panni sporchi in questa cesta.

Va bene, fai anche la cacca se ti scappa. Ma ti scappa oppure no?! Va bene, vai allora, entra nella vasca.
Ma no che non è calda, è giusta.
No, non è fredda, è giusta.

No! Non vi rovesciate il liquido delle bolle di sapone addosso, altrimenti poi non lo avete più.

Quale stregone sta arrivando? Non esiste lo stregone delle bolle di sapone.
No, non ci sono nemmeno rospi nell'acqua, quella è la spugna, e comunque i rospi non sono rosa, ma verdi.

Perchè chiudi il rubinetto?!ma come è possibile che il sapone ti faccia pizzicare le ferite sulle ginocchia, non hai che delle minuscole crosticine ormai. Riapri subito!

State sedute nella vasca che in piedi si scivola! No, non così che cadi.

Che c'è da urlare?! Come è fredda?! Avete ragione è fredda, la maledetta caldaia ultimamente fa la stupida.
Non bevete l'acqua della vasca, brutte zozzone!! Vi verrà un mal di pancia.
Ho detto non bevete l'acqua del bagno! Basta, ora vi faccio uscire...(prima minaccia)
Non schizzate il pavimento. Fate attenzione. 
Ok, ora chiudi l'acqua.
Sì, siete bellissime così, con i capelli bagnati.
Sì, piace molto anche a me il rumore dell'acqua.
Beh sì non vedo l'ora di andare al mare anche io.

Che bambina saggia che sei. Ti ho detto così perché trovo che la Frase "non preoccupatevi, come è durato tanto l'inverno, così durerà tanto l'estate."sia una perla di saggezza.

Non potete nuotare, perché questa è una vasca da bagno, non una piscina.

Sì mi piace moltissimo la tua canzone. Ok, la canto insieme a voi:
E gli animali sono amici mieiiiii
Ed è questa la poesiaaaaaa
Ed è questo che io voglioooo

No, l'acqua nel bicchierino non diventerà ghiaccio, quello era l'esperimento che vi abbiamo fatto vedere una notte gelida di inverno, quando fuori la temperatura era talmente bassa che la sera abbiamo messo un bicchiere di acqua fuori dalla finestra e la mattina lo abbiamo trovato ghiacciato. Ma non funzionerà sul bordo della vasca in casa.
ATTENTA! Ti sei fatta male?! Hai bevuto l'acqua?! Ti sta bene. Ti avevo avvisato di non stare in piedi. Guarda là, gli schizzi sono arrivati fino al soffitto.
Non schizzateeee
Diventerai come tua sorella fra due anni. Ma non sono tanti, sono pochissimi...anzi per la precisione sono venti mesi.
No, non venti anni, mesi!! Sono meno di due anni.
Non aprite l'acqua fredda.
Non vi tirate addosso l'acqua fredda!
Ora vi faccio uscire se non la smettete! (Seconda minaccia)
Sì, hai i piedi da vecchia, ma ti faccio rimanere ancora un po'in acqua.

Forza, laviamo i capelli. Cosa importa chi li lava per prima!? Vieni subito qui, non sfuggire...
Come ti fa male la pancia? Dove? Dovrai fare la cacca, prima hai detto che non ti scappava più invece forse ti scappava ancora e tu per la fretta di entrare nella vasca, non la hai fatta più.
No, non può essere colpa di questo minuscolo graffietto se hai male alla pancia dall'interno.
 Forza venite qui che laviamo questi capelli.
Si invece, venite subito qui. Guarda che ti vengo a prendere...se non vieni subito qui, ti faccio uscire immediatamente (terza minaccia)
Ti è passato il mal di pancia? 
Aspetta,fatti insaponare bene.
Veni qui anche tu che ho lo shampoo in mano e me lo fai sprecare tutto.
Vieni qui ho detto!
Guarda che ti faccio uscire con i capelli mezzi insaponati! (quarta minaccia)
Aspettate, venite qui che devo sciacquarvi. Potreste smettere di cantare?!
Non è fredda, è giusta.
Non è calda, è giusta.
Forza ora in piedi.
L'acqua sta diminuendo perché ho tolto il tappo. No, non vi ho fatto uno scherzetto, è che dovete uscire.
Silenzio, non voglio sentire tutti questi capricci. Mi state stordendo. Non ho capito quello che hai detto, tua sorella stava urlando troppo forte.
Hai freddo perché sei tutta bagnata, forza vieni qui che ti metto l'accappatoio.
Anche tu, forza.
Il tuo accappatoio ha la cinta lunghissima perché non è quella giusta. 
Quella giusta sta a casa di una signora ladra che viene in piscina con noi. 
No, non so chi sia, ma è una che un giorno ha trovato la tua cinta e l'ha portata a casa dai suoi figli.
No, dubito che sia povera, è solo molto scorretta, forse lei aveva perso la sua e si è presa la nostra. Se anche chiamassi la polizia, dubito che la arresterebbero. Nel nostro paese non si va in galera nemmeno per cose molto più gravi di questa. Comunque potremmo provare.
Allora, tu stai ferma qui che intanto prendo in braccio tua sorella e la metto seduta sulla tazza. no, lei non deve fare la cacca, la metto sulla tazza con la tavoletta chiusa, ma tu non muoverti, che hai l'accappatoio, altrimenti si bagna.
Un due tre eeeeoppela.
Ferma ho detto!
No!
Ecco fatto, cosa ti avevo detto?!
Ti sei fatta male?
Ti sta bene, sei la solita disubbidiente.
E ti credo che l'accappatoio è tutto bagnato, nella vasca c'era ancora dell'acqua. Citrulla.
Vieni fuori, forza....eeeeeoppela.
Ferma qui che vado a prendere un asciugamano pulito.
Ferma ho detto!
Uno, due, tre
Che c'è?! Cosa è successo perché urlate?!
Quale animale. Dove sta?!
Non è una zanzara, è una vespa.
Smetti di urlare, mi stai facendo diventare sorda!
Cosa vuoi che abbia fatto? Ho preso la ciabatta e la ho addormentata, e ora la tiro sulla siepe, così quando si sveglia starà al sicuro.

TOC TOC
Chi è?
Salutate papà.
Allora, una la ho già asciugata e vestita, l'altra è da fare, ci pensi tu che io vado a finire di preparare la cena?


Chiudo la porta del bagno e tiro un sospiro di sollievo, anche oggi è andata, cena, documentario di SKY su qualche animale ferocissimo che ha sbranato un povero diavolo e finalmente si dorme.
Questi sono i piccoli grandi gesti quotidiani che fanno di noi genitori degli eroi. Esauriti, ma eroi.


12 commenti:

  1. Salve, io sono una Tata...non della televisione...
    Ma come è possibile cotanta anarchia? Anche io mi trasferirei li per domare quelle due pesti! non posso credere a quello che ho letto, un po' di tempo fa domavo due marmocchie dell'età delle tue figlie e mi vantavo che fossero due soldatini...se serve aiuto :-)

    RispondiElimina
  2. io intanto studio le esperienze altrui per farmi una specie di archivio ed essere "pronta" quando sarà il mio turno...nel frattempo direi che posso fare scorta di bagni rilassanti (miei)....si si...certo..credici pure...a malapena trovo il tempo per fare la pipì..la cacca poi è tutto un altro paio di maniche...vabbè.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisognerebbe essere molto zen...a me riesce sì e no di mantenere un instabile equilibrio mentale, che a volte a dire il vero mi abbandona...

      Elimina
  3. cara guendalina, mi sono trasferita da poco in un altro paese, leggo i tuoi post ogni giorno e mentre lo faccio mi sento a casa.
    grazie.. continua così che ci piaci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Che gioia, sono international...continua a seguirmi, diventerai...una di famiglia...

      Elimina
  4. Posso dire di essere stata anche io in quel bagno con voi e che mi sono goduta ogni istante. Fortuna che i miei hanno nove anni di differenza, quindi con il primo ci si metteva anche il papà nella vasca e se la vedevano loro, io arrivavo quando c'era il Signor Asciugacapelliquellodellascossa. Il buon dio però me la sta facendo pagare con il Gregorillo, che sbattacchia l'acqua e mi allaga ogni volta il bagno.
    Quindi tutto quello che per te è fatto da due...io lo subisco da UNO!!!
    E meno male che non parla ancora!!!!

    p.s. Sei una mamma incredibile altro che Tate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento! Ma le due pesti mettono a dura prova la mia autostima a volte! Tipo che uno si chiede:"ma dove sbaglio?!" Ps. Il bagno dopo il bagnetto è un'unica grande pozza d'acqua!

      Elimina
  5. Ciao Guendalina!!Io tutto quello che vivi tu al femminile lo vivo al maschile!!Naturalmente bagnetto insieme e cacca e pipì insieme, gli allagamenti sono d'obbligo non so come farò nella casa nuova dove ho solo un bagno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatti coraggio...hai tutta la mia solidarietà!

      Elimina
  6. Mi ci ritrovo in pieno! Ed è così in ogni momento della giornata (spesso anche della notte...)!!
    Io non sono ancora riuscita a decidere se sia meno peggio e traumatico lavarli a turno o tutti e due insieme!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero dilemma, al quale anche io non ho ancora trovato una risposta. Ma dato che questi due avanzi di galera, appena vedono la vasca piena ci si tuffano senza riserve tutte e due insieme, ho smesso di domandarmi cosa sia meglio fare...

      Elimina

Regalami la tua opinione: